Ristorante Capadà

venerdì 16 maggio 2014
La struttura di stile moderno è caratterizzata da un ambiente luminoso, ma nello stesso tempo intimo ed accogliente, ideale per trascorrere una serata romantica, ma che consente anche di organizzare banchetti e cene conviviali.
Ristorante Capadà
Se è vero che la passione è il “motore” di ogni attività, possiamo dire senza ombra di dubbio che il Ristorante “ CAPADA’ ” parte davvero in quarta, sulla spinta dell’entusiasmo e dell’amore sconfinato dei fratelli Blandino per la cucina.     Il primo ad avviarsi sulla strada della ristorazione è stato Pasqualino che, diplomatosi nel 2002 presso l’Istituto Alberghiero di Sciacca, ha intrapreso un percorso lavorativo che lo ha portato a collaborare con alcuni dei più rinomati ristoranti italiani, da Castiglione della Pescaia a Cantù, da Verona a Partinico, sempre con assoluta professionalità ed una cura nei particolari che lo hanno reso uno “chef” apprezzato e stimato ovunque.

La passione per l’arte culinaria di Pasqualino ha contagiato in maniera travolgente anche Daniele che, diplomatosi a sua volta nel 2007, ha seguito le orme del fratello maggiore, frequentando numerosi “stages” presso alcune famose strutture alberghiere, da Venezia a Cortina D’Ampezzo, da Roccaraso a Selinunte.     Forti del proverbio che dice che “l’unione fa la forza”, i fratelli Blandino hanno dato vita insieme al Ristorante “CAPADA’ ” che, sebbene inaugurato solo il 15 Ottobre del 2009, rappresenta già un punto di riferimento nel campo della ristorazione a Ribera e nei paesi limitrofi.           Una curiosità: il nome “Capada’ ” nasce dall’unione delle iniziali dei fratelli Blandino, Pasqualino e Daniele, a cui sono state aggiunte quelle di Castrenze che, pur non occupandosi dell’attività di ristorazione, ha sempre incoraggiato i fratelli a coltivare la loro passione ed a realizzare il sogno di intraprendere insieme un percorso professionale all’insegna del gusto e dell’infinita passione per la cucina.    
Europe Aid Cooperation Office
Questa pubblicazione è stata realizzata con il contributo dell'Unione europea. I contenuti di questa pubblicazione sono di esclusiva responsabilità dei membri del consorzio del progetto ARCHEOMED e non può in alcun modo essere considerate il punto di vista dell'Unione europea.